Pre-Code Blogathon: The Unholy Three

precodebanneridea3

The Pre-code Blogathon is a fun initiative promoted by the websites pre-code.com and Shadow in Satin, and it involves a great number of blogs, focusing that glorious age in Hollywood history, between 1930 and 1934, when the notorious Production Code (or Hays Code) had been compiled, but was not yet strictly applied.
What is exactly the Hays Code?
A collection of moral guidelines movie productions were supposed to follow if they wanted their movies to be distributed. The code was undersigned by Will H. Hayes, president of the MPAA between 1922 and 1945, a Presbiterian minister that the studios themselves enrolled to bring back the wholesome image of the American movie industry, that in the early ’20s had been marred by a series of scandals involving stars and directors.
The Code was very strict and, de facto, was rigidly followed until the year 1950, and was finally scrapped only in 1968, and replaced by the rating system still used today.
If the Production Code started making victims in the second half of the 1930s, at the start of the age of the talkies the studios were still able to sidestep it easily. Hence, the short but intense Pre-Code era, the subject of this blog marathon. Here you’ll find a list of other blogs taking part in the event, with their posts. But, before we start, let me thank my friend Davide for translating in English the article you are reading.

tumblr_mhmv8qbQlQ1rb39tyo1_500

The Unholy Three is the remake of the 1925 Tod Browning movie of the same title. It was pretty usual, at the time, filming sound versions of old silent era blockbusters. Now iat the helm we find Jack Conway, a solid professional in the service of the studios demand. And this was, too, a rather commonplace practice: renouncing any kind of authorial pretense to follow the guidelines of the production company that hired you. The MGM of Thalberg and Mayer,after the excesses of the 20s, when big name authors blew huge budgets without a guarantee of a similar commercial success, went for a compression of costs and an increase in revenues; something that was possible only with the help of unambitious but technically proficient, if complacent directors.
Conway was just like that: he directed more than one hundred movies always staying within budgetary limits, and bringing huge returns to MGM.
The Browning remake was another sure-fire success: it featured Lon Chaney reprising the same role he had played in 1925. The difference, this time, was that it would be a speaking role. The Unholy Three is the first and only talkie of the star, who died a few months after the end of the production.
The main characters of the movie (the Unholy Three of the title) are three carny performers, ventriloquist Echo (Chaney), short person Tweedledee (Harry Earles, of Freaks fame) and strongman Hercules (Ivan Linow). A brawl started during Tweedledee’s show causes the police to shut down the venue, and our three heroes decide to use their different abilities for crime, with the help of pickpocket Rosie (Lila Lee), that is the accomplice and lover of Echo.
They assume new identities: Echo disguises himself as an old lady, owner of a pet shop, Hercules pretends to be her father in law, and Tweedledee her adorable toddler grandson. Rosie manages the shop and takes care of the dear old granny.
Under the pretense of delivering pets bought by their wealthy patrons, the three can enter the stately homes of the latter, and steal jewels. But then there’s a problem, somebody dies, and the situation geths hairy.

tumblr_mxz35vT6Lh1qzr8nao6_1280

Plot-wise, Conway’s movie follows closely the Browning original. There is a minimal deviation, but it’s the only relevant difference. What changes dramatically between the two movies is the tone. Leaden and verging on the melodrama in Browning, ultra-lite and clearly geared towards comedy in the remake.
And yet, even a basically harmless product like The Unholy Three would have met a number of serious issues of censorship during the years of strictest application of the Code.
Even in its commercial and rather naive, the Conway movie breaks almost every single guideline penned by Hays: it opens with a circus show in which there is no embarassment in showing unhinibited young ladies with ample tracts of skin exposed; it follows with a brawl in which a short man kicks a child; it dabbles in cross-dressing, if with obvious ridiculous intents; shows an unsanctioned, pre-marital relationship between criminals, an incompetent police force and a fallible law system that almost sends an innocent to the electric chair and, as the ideal cherry on top of this cake, a short person plays the role of a cigar-smoking infant and talks dirty. Add to that that only through the actions of a self-proclaimed thief and lawbreaker the innocent young man can be saved from the charge of homicide and we get the whole picture of a movie that, just a few years later, would have been considered unacceptable and scandalous.

This shows how free and open-minded was the Holliwood at the transition between silent and sound eras, compared to later years. The pre-code years were a wild season, probably the last free time American cinema allowed itself before returning in the ranks of general morality with the help of scissors and prohibitions. Defying the Code meant sinking the movie from the start, considering that the censors’ checks were done on the script. Some might try and sidestep the code in some way, just like that giant among directors, James Whale did as he created The Bride of Frankenstein in 1935, but there was otherwise no escape.
Seen today, pre-code era movies look like strange archeological finds, proud representatives of an ambiguity and a lack of rules that would be long lamented – especially where the representation of female characters would be concerned: women were never so independent, strong and complex like in that short parentheses when cinema moved on its own, without a pre-coded, forced morality guiding it.

 unholy_three_xlg

Versione Italiana

La pre-code blogathon è una divertente inziativa partita dai siti pre-code.com e Shadow in Satin, che coinvolge moltissimi blog e si concentra su quel glorioso periodo della storia di Hollywood, tra il 1930 e il 1934, in cui il famigerato Production Code (o codice Hays) era già stato redatto, ma non ancora rigidamente applicato.
Cos’era esattamente il Codice Hays?
Un insieme di linee guide morali a cui le produzioni erano obbligate ad attenersi se volevano che i loro film venissero distribuiti. Il codice portava la firma di Will H. Hayes, presidente della MPAA dal 1922 al 1945, un pastore presbiteriano cui furono gli studios stessi a chiedere di riabilitare l’immagine dell’industria cinematografica americana, compromessa nei primi anni ’20 da una serie di scandali che coinvolsero star e registi.
Era un codice molto restrittivo e, di fatto, venne rispettato in maniera rigida fino al 1950, per poi essere smantellato in via definitiva nel 1968, e sostituito dal sistema di rating in vigore ancora oggi.
Se il Production Code iniziò a mietere vittime a partire dalla seconda metà degli anni ’30, all’inzio dell’era del sonoro, gli studios riuscivano ad aggirarlo con facilità. Ed ecco la breve, ma molto intensa era pre-code, quella di cui si occupa questa maratona tra i blog. Qui trovate l’elenco degli altri blog partecipanti, con i rispettivi post. Ma, prima di cominciare, fatemi ringraziare il mio amico Davide per aver tradotto in inglese l’articolo che state leggendo.

UnholyThree15

The Unholy Three è il remake dell’omonimo film del 1925 diretto da Tod Browning. Era una consuetudine piuttosto diffusa, all’epoca, quella di girare delle versioni sonorizzate dei vecchi successi del cinema muto. In cabina di regia c’era Jack Conway, un solido professionista al servizio delle esigenze degli studios. E anche questa era una consuetudine piuttosto diffusa: rinunciare a qualunque pretesa autoriale per seguire le direttive commerciali della produzione che ti aveva assunto. La MGM di Thalberg e Mayer, dopo gli eccessi degli anni ’20, quando i grandi autori del periodo dilapidavano budget enormi e non garantivano un pari successo commerciale, optò per una compressione dei costi e un aumento degli utili, operazione realizzabile solo se portata avanti da registi poco ambiziosi, tecnicamente preparati e compiacenti.
Conway aveva tutte queste caratteristiche, diresse più di cento film senza mai sforare e portando grandi incassi alla MGM.
Il remake del film di Browning era un altro successo a colpo sicuro: c’era Lon Chaney che riprendeva lo stesso ruolo interpretato nel film del 1925. Con la differenza che, questa volta, sarebbe stato un ruolo parlato. The Unholy Three è il primo e unico film sonoro dell’attore, morto pochi mesi dopo la fine della lavorazione.

Il protagonisti del film (l’Unholy Three del titolo) sono tre artisti da circo, il ventriloquo Echo (Chaney), il nano Tweedledee (Harry Earles, quello di Freaks) e l’uomo forzuto Hercules (Ivan Linow). Una rissa scatenata durante lo spettacolo dal nano porta alla chiusura da parte della polizia dell’attività e i nostri eroi decidono di sfruttare le loro abilità in senso criminale, aiutati dalla borseggiatrice Rosie (Lila Lee), che di Echo è complice e amante.
Assumono quindi una nuova identità: Echo si traveste da vecchia signora proprietaria di un negozio di animali, Hercules finge di essere suo suocero e Tweedledee il suo adorabile nipotino di pochi mesi. Rosie si presta a gestire il negozio e a occuparsi della povera nonna.
Con la scusa di consegnare gli animali venduti ai loro ricchi clienti, i tre possono introdursi nelle ville e rubare i gioielli. Fino a quando non ci scappa il morto e la situazione si complica.

UnholyThree17

Il film di Conway non si discosta di un millimetro da quello di Browing, per quanto riguarda la trama. Cambia un piccolo particolare nella parte finale, ma è la sola modifica di un qualche rilievo. Ciò che invece differenzia molto i due film è il tono. Plumbeo e tendente al melodramma per quanto riguarda Browning, leggerissimo e virato decisamente in commedia per quanto riguarda il remake.
Eppure, anche un prodotto sostanzialmente innocuo come The Unholy Three avrebbe avuto serissimi problemi di censura durante gli anni di applicazione severa del Codice.
Pur nella sua natura commerciale e anche un po’ ingenua, il film di Conway riesce a infrangere quasi tutte le direttive principali messe su carta da Hays: inizia con uno spettacolo da circo dove non c’è alcun imbarazzo nel mostrare fanciulle disinibite con parecchi centimetri di pelle esposti, continua con una rissa in cui un bambino viene preso a calci da un nano, ci mette in mezzo del travestitismo, per quanto con effetti volutamente ridicoli, una bella relazione prematrimoniale tra delinquenti, una polizia e un sistema giudiziaro che difettano di competenza e stanno per mandare un innocente alla sedia elettrica e, per non farsi mancare niente, un attore nano con l’aspetto di un infante che fuma il sigaro e parla come un carrettiere. Aggiungiamoci anche che solo grazie all’intervento di un ladro e conclamato criminale si riesce a salvare la vita al povero ragazzo accusato ingiustamente di omicidio e avrete il quadro completo di un film che, se fosse uscito solo qualche anno dopo, sarebbe stato giudicato inaccettabile e scandaloso.

Questo a dimostrazione di quanto fosse molto più liberale e aperta la Hollywood del passaggio tra muto e sonoro rispetto a quella successiva. Gli anni dell’era pre-code furono una stagione selvaggia, forse l’ultimo periodo di sfrenata libertà concessa dal cinema americano a se stesso prima di rientrare nei ranghi di una morale imposta a colpi di sforbiciate e divieti. Sfidare il Codice significava avere il proprio film distrutto in partenza, dato che i controlli dei censori avvenivano sulla sceneggiatura. Si poteva tentare di aggirarlo in qualche modo, come avrebbe fatto quell’immenso regista che risponde al nome di James Whale al momento della realizzazione de La Moglie di Frankenstein nel 1935, ma non c’era modo di scappare.
Visti oggi, i film dell’era pre-code sembrano degli strambi reperti archeologici, fieri rappresentanti di un’ambiguità e di una mancanza di regole che sarebbero state rimpiante a lungo, specie per quanto riguarda la rappresentazione dei personaggi femminili, mai così indipendenti, forti e complessi come in quella brevissima parentesi in cui il cinema si è mosso autonomamente, senza che a guidarlo ci fosse per forza una morale.

5 commenti

    1. Ma grazie!

  1. Giuseppe · · Rispondi

    Complimenti all’autrice e al traduttore per l’interessante post bilingue su questo piccolo esempio di quella cine-libertà – che oggi sembra davvero fuori dal tempo – precedente all’applicazione del famigerato Codice Hays, avente non poco in comune con quello che un paio di decenni dopo sarebbe stato il suo parente prossimo in campo fumettistico (l’altrettanto castrante e ancora più longevo Comics Code)… sempre a riguardo degli anni pre-code mi vengono in mente anche i Fratelli Marx, che non a caso diedero il meglio proprio in questa fase (altri loro buoni titoli ci furono, certo, ma comunque non si andò molto oltre l’anno di effettiva applicazione del codice).

  2. […] The Unholy Three (1930) at ilgiornodeglizombi […]

  3. Very well put, and I’m glad you enjoyed the film. It’s rather amazingly callous in both its cruelty and black humor. And thanks for participating!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: