Boomstick Award 2015

boomstick-sj-graphicsE finalmente il momento più atteso dell’anno è arrivato. Altro che natale, altro che notte degli Oscar, altro che Sanremo. Questi sono i Boomstick, gli unici premi che valga la pena vincere.
Tra ieri e oggi, me ne sono stati assegnati tre: uno dal suo fondatore Hell, uno da Marco Siena e uno da Red Jack. Non potete immaginare la gioia immensa.

Allora, idioti primitivi, sturatevi le orecchie: queste sono le regole per assegnare il Boomstick, copiate e incollate dal blog di Hell. Farete bene a seguirle.

Cos’è il Boomstick? È il bastone di tuono di Ash ne L’Armata delle Tenebre. Una doppietta Remington, canne d’acciaio blu cobalto, grilletto sensibilissimo. Magazzini S-Mart, i migliori d’America.

Perché un Boomstick?
Perché il blog è il nostro Bastone di Tuono!

Come si assegna il Boomstick?
Niente di più facile: dal momento che in giro è un florilegio di premi zuccherosi per finti buoni (o buonisti) & diplomatici, il Boomstick Award viene assegnato non per meriti, ma per pretesti.
O scuse, se preferite.
Nessuna ipocrisia, dunque.

Per conferirlo, è assolutamente necessario seguire queste semplici e inviolabili regole:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore

2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione

3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto

4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite

I vincitori avranno il sommo onore di esporre il banner della presente edizione sul loro blog.

boomstick2015-Small

E ora veniamo ai vincitori.

1. Book and Negative, di Germano Hell Greco
Perché lo conosco da quasi quattro anni e in questo periodo ha rivoltato, cambiato, stravolto e infine fatto diventare il suo blog ogni giorno più uberfigo.
Perché dice che TWD è una merda, e non da ieri: lo va ripetendo dal terzo episodio della prima stagione.
Perché è un blogger, scrittore ed editor con le palle.

2. Beati Lotofagi, di Ivano Satos
Perché le sue gallery sono sempre una gioia per gli occhi e per il cuore.
Perché legge e recensisce senza paura gli autori indipendenti.
Perché ama Fulci quasi quanto me.

3. Taccuino d’altri Mondi, di Fabrizio Borgio
Perché è una delle persone più gentili, pacate e riflessive che io conosca.
Perché è competente e colto ma mai e poi mai spocchioso.
Perché è un lettore instancabile e uno scrittore davvero in gamba.

4. Il Zinefilo, di Lucius Etruscus
Perché ha lo stomaco di guardare e recensire certe cose che io non so neanche con che coraggio le abbiano girate.
Perché lo fa con simpatia
Perché ogni tanto, da quel cumulo di spazzatura, estrae anche qualche insospettabile perla.

5. Dikotomico, di Maximo Dikotomico
Perché ha scritto uno specialone su Alex de la Iglesia da standing ovation
Perché analizza i film con estremo acume
Perché è completamente matto e ci piace per questo.

6. Il Bollalmanacco di Cinema, di Erica
Perché Erica affronta ogni argomento con leggerezza e tanta, tantissima intelligenza.
Perché ha una vera passione per il cinema in tutte le sue forme e generi e non fa distinzioni assurde tra alto, basso, popolare e intellettuale.
Perché anche lei smerda con gioia TWD.

7. Plutonia Experiment, di Alessandro Girola
Perché combatte una estenuante battaglia contro gli stronzi del pianeta e sono sicura che la vincerà
Perché il suo blog è il primo che consulto ogni mattina appena sveglia
Perché tutti i soldi che ho speso seguendo i suoi consigli o acquistando i suoi ebook, sono stati soldi spesi benissimo.

Ricordate che

a) il premio può essere assegnato dai sette vincitori ad altrettanti blogger meritevoli, contribuendo a creare, come tutti gli anni, una delle più gigantesche catene di sant’antonio che la storia di internet ricordi

b) premio e banner sono una creazione di Hell, quindi sarebbe buona creanza citarlo negli articoli

c) il Boomstick è un premio cazzuto. Se l’avete vinto non siete di sicuro delle mezze cartucce, ma… se non rispetterete le 4 semplici regole che lo caratterizzano, allora mezze cartucce diventerete

e vi beccherete d’ufficio, in quanto tali, il celeberrimo Bitch Please Award.

bitch_please_2015-Small

 

 

12 commenti

  1. UAU, ne ho preso pure uno io!!! ^_^
    Vado a spammare….

    1. Spamma e assegna! E mi raccomando, le sacre regole😀

  2. Lacrimuccia…😀

    1. Discorso! Discorso!😀

  3. Non avendo un blog non posso candidare nessuno, ma condivido le tue nomination.

    1. Io spaccio solo robbbba bbona😀

  4. […] e giunta alla quarta edizione, per mano di Lucia, ovvero lasignoradelletenebre responsabile de Ilgiornodeglizombi. La […]

  5. Che meraviglia, grazie!! Conferito da te vale doppio, unito alla nominescion di Hell vale addirittura quadruplo! Too much, mi gira la testa❤

    1. Bollina, te lo strameriti tutto! Fanne buon uso😀

  6. Grazie mille, sono parole che scaldano il cuore❤

    Domani arrivano i miei!😀

    1. Ma ci mancherebbe pure❤
      Grazie a te per il tuo blog e per il continuo scambio di idee e spunti

  7. […] ambito dai blogger, il Boomstick Award (edizione 2015, ovviamente). L’ambito riconoscimento arriva da Lucia Patrizi, collega che apprezzo moltissimo, la cui stima mi rende quindi doppiamente felice. Forte della mia […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: