Gli ispiratori della Murena: Una top 5

2d2d67e03d24b4c25e7eea8a03888d6d9548ac444d8761c6cb38125ec4fdc026

Ho pensato che un modo divertente, e anche poco invasivo, di fare un po’ di pubblicità al mio primo ebook poteva essere quello di parlare delle sue fonti di ispirazione cinematografiche. Questo resta un blog dedicato quasi esclusivamente al cinema e, sebbene My Little Moray Eel abbondi di ispirazioni letterarie, anche i film hanno pesato moltissimo sulla sua stesura. Trovo giusto ammettere i miei debiti nei confronti degli autori che mi hanno fornito spunti e suggestioni varie.
Inoltre era una vita che non pubblicavo una bella top 5 del sabato mattina. E se la cosa dovesse piacervi, magari la prossima settimana facciamo anche quella dedicata ai libri. Quindi, eccovi questa breve classifica, in ordine rigorosamente cronologico.

5. Abissi (Peter Yates, 1977)

10545663623_27f8fd6eee_b

Questa straordinaria avventura di cacce al tesoro sottomarine, relitti nascosti e fiale di morfina disperse alle Bermuda, nasce sull’onda del successo ottenuto dal solito Jaws. Il secondo romanzo di Benchley, The Deep, fu acquistato dal produttore Peter Guber quando ancora non era stato neanche ultimato. Dietro la macchina da presa c’era il regista di Bullit, mentre i tre protagonisti erano Robert Shaw in una delle sue ultime apparizioni, Jacqueline Bisset e un ancora poco conosciuto Nick Nolte.
Durante un’immersione, i nostri eroi si imbattono nella tana di una murena gigante. “La mamma di tutte le murene” la chiama Robert Shaw e poi, rivolto a Nick Nolte: “voleva che tu fossi la sua cena”.
Lo vidi per la prima volta in tv da bambina. E quella murena (un pupazzone che sul set veniva chiamato Percy) non l’ho mai dimenticata. Anni dopo, ecco le murene giganti protagoniste del mio ebook. Vengono da qui.

4. E.T. (Steven Spielberg, 1982)

et-the-extra-terrestrial-03-800-75

Non poteva mancare zio Spilby, in questa top 5. Cosa ci azzecca E.T. con una storia di mostri marini? In realtà ci azzecca tutto, perché My Little Moray Eel parla anche di un’amicizia tra mondi diversi, e il legame che sviluppano Elliot ed E.T. è molto simile, per profondità e simbiosi, a quello tra Sara e la sua murena. C’è anche una citazione diretta del film di Spielberg, un’intera linea di dialogo presa di peso e riportata nell’ebook. Se la scovate vi regalo una gigantografia del buon Steven da tenere in camera.

3. Phenomena (Dario Argento, 1985)

411164_orig

Devo moltissimo a questo film. Jennifer e Sara sono gemelle. Certo, una parla con gli insetti e l’altra coi pesci, ma più o meno stiamo lì. Le due ragazze hanno un “potere” molto simile e un canale di comunicazione privilegiato con una parte della natura da cui di solito l’uomo tende a ritrarsi inorridito. Non ho inserito appositamente mammiferi marini nella mia storia. Ho preferito che Sara avesse a che fare solo con animali la cui interazione con gli esseri umani fosse minima. E in questo Phenomena mi è stato di grande aiuto. Ho cercato di dare a Sara anche qualche atteggiamento che ricordasse la Jennifer messa in scena da Dario Argento. E un aspetto fisico piuttosto simile.

4. The Abyss (James Cameron, 1989)

the-aliens-get-to-know-more-about-humanity-by-watching-the-interactions-of-the-people-in-deep-core

L’ho già detto tante volte: l’opera monumentale di Cameron è stata la mia fonte d’ispirazione primaria. Non tanto, o non solo, per la presenza di una civiltà sottomarina (nel caso del film sono alieni a tutti gli effetti), ma per l’atmosfera e il tono generale. per come Cameron descrive il rapporto tra l’uomo e il mare, per il bivio di fronte al quale mette tutta la nostra specie. The Abyss è un film unico. Non era mai stata realizzata, e non sarà mai più realizzata, una cosa simile nella storia del cinema. Da un lato per la sfida tecnica che ha posto un film così complesso, dall’altro per delle implicazioni umane e filosofiche che nemmeno lo stesso Cameron è più stato in grado di riprodurre. O, se ci ha provato, lo ha fatto in maniera abbastanza schematica e semplicistica (vedi Avatar, che io comunque adoro, sia chiaro). Senza questo film, la Murena non esisterebbe. Ma non penso che esisterebbe neanche questo blog. E io sarei una persona diversa.

1. Aliens of the Deep (James Cameron, Steven Quale, 2005)

aliens-of-the-deep-2005-05-g

Ancora Cameron, personaggio fondamentale per la stesura del mio ebook, e che appare persino in un importantissimo cameo all’inizio della storia.
Aliens of the Deep è un documentario che Cameron ha girato imbarcandosi con un gruppo di scienziati per una passeggiata lungo le dorsali oceaniche. Per la prima volta, ha coniugato le tecnologie IMAX e 3D, allo scopo di riprendere le misteriose forme di vita che popolano le profondità più inaccessibili. Insomma, Quelli degli Abissi.
Il documentario è una cosa pazzesca, anche se ha una decina d’anni sulle spalle. Le immagini degli Alieni dal Profondo sbalordirebbero chiunque. Dal vedere quegli spettri luminosi che volteggiano intorno ai batiscafi della NASA impiegati nell’impresa, all’immaginare che esista dell’altro lì sotto, il passo è davvero molto breve,

Se queste tematiche vi affascinano, potete trovarle tutte insieme in My Little Moray Eel. Buona lettura.

8 commenti

  1. Che bello vedere citato The Deep!
    Un buon film avventuroso, credo lo dovrò assolutamente recuperare e poi magari farci un post.
    Lo vidi al mare per la prima volta, in un cinema all’aperto, ed anche per me segnò l’inizio di una passione.
    Ma non per le murene giganti.
    Per Jacqueline Bisset😉

    1. Lei in questo film è di una bellezza accecante😀
      E sì, è un bel film d’avventura, con riprese, per l’epoca, complicatissime.
      Per esempio quella degli squali in frenesia alimentare.
      Solo che non riesco in nessun modo a trovare il romanzo…

      1. A mi ricordo diaver letto un’intervista di Nick Nolte che diceva che Jacqueline non voleva apparire in topless o nuda(non ricordo bene),comunque diceva che con la camicetta bagnata si vedeva tutto,e lui e Shaw gli facevano gli scherzi.

        1. Sì, poi quella maglietta è diventata celeberrima😀

  2. Ci piace, ci piace. Ora vogliamo i libri!

    1. Coi libri è più difficile.
      ghghg

  3. Continua, continua con le top 5! Cinema, libri, serie tv e magari, se mai ci scappasse tempo e possibilità, anche qualche piccola top 5 fumettistica (mia umile proposta)🙂
    Quanto ad Abissi, ricordo sì la scena dell’incontro con la murena…in effetti trovo che Lui e Percy abbiano una certa -e azzeccata- parentela, anche se da solo non avrei pensato alla murena di Yates come ispirazione principale.
    P.S. Leggo, leggo…e mi sta facendo un’ottima impressione, sappilo. E’ un BUON acquisto (come del resto già pensavo)😉

    1. Avevo pensato a quella musicale, pure… ora vediamo come procedere. Grazie Giuseppe, per esserci sempre😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: