E vi farei mettere al rogo – una top 5

url

Niente cinema oggi. Non ne ho voglia, mi sono anche un po’stufata, perché a volte mi sembra di fare le cose a vuoto. Il post che sto per scrivere è un piccolo sfogo, dovuto a un anno e mezzo di permanenza qui sul blog. Non è mio costume lamentarmi, però certe volte prende uno sconforto che, se non fosse perché mi diverto molto a scrivere qui sopra, mi spingerebbe a mollare tutto, chiudere baracca e burattini e darmi all’apicultura. Sto parlando delle chiavi di ricerca attraverso cui i lettori (o presunti tali) giungono in questo spazio. Adesso, io so che è così per tutti e che la gente è strana, sta male e necessita di grande supporto psicologico, farmaci e, nei casi più estremi, ricovero coatto. Eppure i miei occhi, quando apro la pagina delle statistiche, vedono cose che voi umani non potete immaginare e che mi fanno credere che il 90% di coloro che digitano parole a caso su google abbiano le scimmie urlatrici nel cervello. Ubriache, per giunta.

543936_536147223072960_1083359134_n

Tutto questo per dire che la top 5 di oggi si occuperà delle cinque tipologie di chiavi di ricerca più gettonate su ilgiornodeglizombi. E ci sarà da ridere, o da piangere, a seconda del vostro atteggiamento nei confronti della vita. Io che sono bipolare, faccio le due cose a corrente alternata. A volte contemporaneamente. Altre ancora, mi strappo i capelli e vado di craniate contro le pareti di casa, tipo moscone impazzito.

5. Maledetta me e il giorno in cui ho parlato di rape & revenge.

tumblr_mh2435blj71s3wf9po1_500

educati e compiti lettori che si approcciano al blog

Ma credo sarebbe bastata anche la recensione di The Girl With the Dragon Tattoo, dove compare parecchie volte la parola con la S, per attrarre da queste parti frotte di bestie disgustose alla ricerca di foto o filmati di donne che subiscono violenza. E sono una tale quantità che spesso ho paura anche solo di accedere alle statistiche, perché ogni giorno trovo una qualche nuova variante fantasiosa e arzigogolata dello stesso concetto. Fortunatamente, sono ancora una minoranza rispetto alle altre posizioni della top 5. Per questa categoria non farò esempi, onde evitare di attrarre altra rumenta puzzolente su questi lidi, che già ne sono pieni, mio malgrado.

4. Quel film è una merda e basta

e5d3_damage_calm

“Rec 3 fa schifo”, “Cloud Atlas è una merda”, “John Dies at the End recensione negativa”. Uno dei peggiori vizi di certi loschi individui è quello di godere se si parla male di qualcosa. Non è un caso se i picchi di visite vengono quasi sempre raggiunti nel momento in cui si stronca un film. Ed è uno dei motivi per cui, da un po’ di tempo a questa parte, le recensioni negative sul mio blog si contano sulla punta delle dita. E saranno sempre di meno. Le ubriache, urlatrici e bellicose scimmie che abitano i vostri cervelletti qui non troveranno niente che le soddisfi. Quindi andate altrove o nuclearizzo l’area.

3. Voglio sapere come va a finire.

spoilers

“Sleepaway Camp come finisce”, “Voglio sapere la fine di The Walking Dead”, “Ditemi come finisce Drive”.
Adesso, io non so sia un gusto masochista di rovinarsi le visioni, o se ancora peggio, sia un metodo svelto e spiccio per parlare di un film senza averlo visto (pratica abbastanza consueta invero). Ma si invoca la divinità google, a volte con ordini perentori, altre con suppliche disperate, per conoscere in anticipo la fine di una storia, che sia essa su pellicola, o scritta tra le pagine di un libro.
Per quanto riguarda i masochisti di ogni genere, la cosa non è poi così fastidiosa, problemi loro. Eppure io sono convinta che ci sia una grossa percentuale di presunti recensori che fa un bel copia e incolla di trame raccattate in giro per la rete e poi finge di sapere di cosa sta parlando. Fuoco purificatore anche per loro.

2. Lo Spiegone

leredita-del-2012-parte-i-L-8tbmeY

“Cloud Atlas spiegazione” (questa batte quasi tutte le altre chiavi, è stata digitata più di 500 volte), “Chi mi spiega And Soon the Darkness” (WTF?), “Drive non si capisce”, “Perfavore spiegatemi The Innkeepers” (accorata richiesta d’aiuto).
Ma siete scemi? No, davvero, vi si è azzerata l’attività cerebrale tutta insieme, di botto, a forza di guardare i film di Maicol Bei? Avete problemi a connettere tra loro le scene perché siete cresciuti a pane e Nispel?
O forse è solo un problema legato a un tipo di narrazione sempre più telefonato, sempre più mortificante e desolante per chi vuole fare della fruizione di una qualsiasi opera un esercizio attivo. Oggi ci si può distrarre (cazzo, la distrazione è un diritto) perché tanto, al minuto 42 arriva lo spiegone che riassume tutto ciò che è accaduto fino a quel momento, così gli imbecilli possono distrarsi di nuovo. E anche il cane di casa capisce.
Ma se un autore si azzarda a infrangere questa regola, eccoli tutti correre in preda al panico al pc e cercare come forsennati lo spiegone postumo. Perché goggolo ha tutte le risposte.

1. Il maiale

chiavi

Come si evince dal documento fotografico allegato qui sopra, ilgiornodeglizombi è territorio d’elezione di lord inglesi che disquisiscono di raffinatezze cinematografiche sorseggiando ottimo scotch d’annata.
Ve la posso dire una cosa dal profondo del mio cuore? Mi fate vomitare. Ma è tale il senso di nausea, desolazione, annichilimento e disgusto profondo che mi piacerebbe prendervi, uno a uno, e randellarvi con una mazza da baseball rinforzata dal filo spinato.
E non perché io sia moralista, o perché non usi spesso e volentieri il turpiloquio. Lo uso e come. Ma perché sono una donna che gestisce un blog che tratta di un genere particolare, di appannaggio quasi esclusivamente maschile.
E no, il mio non è post femminismo un tanto al chilo, ma la presa d’atto, anche piuttosto rassegnata, che di un certo tipo di mentalità non ci libereremo mai.

39 commenti

  1. ti elenco le mie tre ultime chiavi di ricerca:

    futurama tutte le puttane
    piede fujiko
    tette impazzite

    la gente è matta non ci pensare

    1. La gente hanno bisogno d’aiuto 😀

  2. Il Web è al 90% pornografia.
    Io non sono bacchettone, quindi che ciascuno consulti i siti che preferisce (anzi, alzi la mano chi tra di noi è un’educanda).
    Quel che fa schifo è che la gente non è capace nemmeno di cercarsi le donne (o gli uomini) nudi nei posti giusti. No, deve googlolare e finire su un blog che parla di cinema. Il QI diventerà minore in proporzione allo sviluppo del Web? Secondo me sì.
    Vale anche per chi cerca gli spoiler sui film. Guardarseli no?
    A farmi paura, per quel che vedo in prima persona, sono le nuove generazioni. Livello di attenzione pari a zero, cervello spento mentre vedono film, ascoltano musica…. Di leggere nemmeno se ne parla.
    Cosa possiamo aspettarci da questi internauti col catrame nel cervello?

    1. Ecco, infatti…non esiste più un briciolo di attenzione nei confronti di quello che guardiamo o leggiamo e tanto, se perdiamo il filo, c’è sempre dio google che ci spiega tutto per filo e per segno.
      Mette tristezza…

      1. Come direbbe il dottor Cox, “Sono abbastanza sicuro che se togliessero il porno da internet rimarrebbe un unico sito chiamato RIDATECI IL PORNO”.
        Desolante.

        1. Sì, quella battuta fotografa perfettamente la situazione. Poi io non voglio passare per bacchettona. Sulla pornografia ho delle opinioni che non vado a dire qui sul blog perché creerei solo polemiche e non ne ho molta voglia.
          Ma, al di là dei giudizi che uno può dare, sembra davvero che non esista altro.

  3. Ahahah ci manca solo “porno Sara Tommasi come va a finire” XD

    1. O anche non l’ho capito, spiegatemelo 😀

  4. Ti capisco, da me hanno cominciato a unire nani, porci e Anna Torv, in miscugli a dir poco… O_o

    Non so cosa spinga le persone a cercare robe del genere, voglio credere si tratti di un momento passeggero, anche se fatico tanto a vederla sotto questo lato.
    Lo spiegone… be’ da quello non c’è difesa: sarà la morte delle storie e del cinema se non facciamo qualcosa per limitare i danni! 🙂

    1. Lo spiegone è la fine dell’intelligenza. I film complessi che richiedono un ragionamento e un’attenzione particolare esistono. E io stessa, dopo averli visti, ho cercato recensioni e analisi che potessero convalidare o smontare l’opinione che mi ero fatta. Ma cercare i significati con questa ossessività fa venire il sospetto che non ci sia proprio neanche il tentativo di far funzionare il proprio cervello.

  5. ah,quindi mi vuoi bruciare…Si,ma dimmi:COME VA A FINIRE?

    1. Va a finire in un rogo. Finale prevedibilissimo 😀
      Il punto è che spesso chi cerca il finale di un film o di un libro lo fa per sapere senza aver visto, e magari parlarne.
      Pratica piuttosto comune

      1. io guardo tutto, ma prima devo leggere e sapere come finisce perchè odio le sorprese.Che bello al rogo come Giordano Bruno!

  6. Io invece ho deciso di fare il contrario di te,una scelta anche controproducente,sul mio blog ,/che notoriamente ha poteri di invisibilità),ho deciso di fare tante critiche negative,guerre e rompere le palle a più non posso.Perchè alla fine dobbiamo scrivere come ci piace e come ci garba a noi,io sono un “vaffanculizzatore ” ben peggiore di grillo eh.

    ps: quelli che son in cerca di stupri e affini se vogliono a casa ho una vecchia scopa scheggiata,gli faccio provare l’effetto direttamente sulla loro pelle,esseri schifosi!

    ciao

  7. Per loro solo aranciata amarissima. E poi non parteciperanno mai al gioco della bottiglia.

    Ecco. u.u


    1. Che la festa cominci!

      1. Napoleone Wilson · · Rispondi

        Io come forse saprai già se t’interessa sono piuttosto misogino a causa ovviamente di esperienze con l’altro sesso che pure vorrei amare con tutto me stesso, -purtroppo- piuttosto crudeli e negative. Però se mi “monitorizzi” vedrai che sono anche la più “noiosa” della normalità, e il “rape and revenge” ad esempio, non ho mai capito come possa essere uno dei filoni preferiti, per molti. Io gli ho visti tutti, e pur di certuni riconoscendone l’assoluta riuscita ed efficacia -anche-artistica , mi mettono un senso di disagio addosso e insistito disgusto, tanto più credibili e realistici siano, che ho sempre teso -“L’Ultimo treno della notte”, “L’Ultima casa a sinistra”,
        “Non violentate Jennifer”,ecc.ecc.,, a non vederli più di una volta nella vita, perchè penso proprio che una -e una soltanto- possa bastare. Non penserei mai “ora mi passo proprio una bella serata, mi guardo “Irrevèrsible”, casomai mi riguardo per l’esima volta “Day of the Dead”!
        L’unico veramente diverso che mi venga sempre in mente è “L’Angelo della vendetta”(Angel of Vengeance/Mrs.45)(’81)di Abel Ferrara, perchè ha una protagonista femminile che è un personaggio veramente splendido e Ferrara sembrerà strano, ma dimostra una sensibilità e un mancanza di compiacimento ma di vero orrore e repulsione, alla fin dei conti molto poco “maschile”.
        Scusa se alla fine sono ritornato a parlare comunque di cinema, ma mi sembrava andasse fatto almeno un esempio.

        1. Per me il Rape & revenge è un sottogenere che va preso con le molle. E che comunque rimane ancorato (a parte rare eccezioni) alla sua epoca. Ne ho visti parecchi, non tutti, perché certe derive scandalistiche mi fanno venire voglia di mettermi a urlare e perché mal sopporto un certo tipo di scene.
          L’Angelo della Vendetta è uno splendido film. Forse è il migliore dell’intero filone

  8. Difficile davvero metterli in sequenza questi visitatori. In comune, credo abbiano qualche difetto genetico…

    1. Le scimmie urlatrici nel cervello…

  9. thriller87 · · Rispondi

    Unico commento possibile :” Ho visto cose che farebbero diventare un nero bianco ! ” (Cit.)

    1. E poi di nuovo nero, a ogni lettura delle chiavi di ricerca 😀

  10. Gigaschifus (cit.)

    1. Gigavomitus

  11. ma “prende il cazzo del suo cane” da dove l’han pescato?E perchè?Pervertiti.
    E quelli che vogliono sapere come finisce Drive?Bè,per me sarebbe giusto se morisse.Ma poi tenete un po’ di mistero nelle vostre vite e teste dai!

  12. Il Web è oltre le colonne d’Ercole, ci sono grandi meraviglie e grandi orrori.
    Hic sunt leones, dracones et coiones.

    Difficile anche guardare al lato positivo delle chiavi di ricerca quando quello negativo brilla di luce propria, ma è anche un riflettore sul lato segreto di molti individui che – ne sono sicuro – gestiscono una quotidiana aura di normalità per mettersi poi al PC e mutare da Dr. Jeryll in Mr. Hide-in-my-browser’s-history.

    Pervertiti di ogni genere, categoria e sotto categoria pullulano online. È un dato di fatto. Quel che fa specie è che non sappiano orientarsi nella ricerca, che si rivolgano al signore o alla signorina Google con domande vere e proprie. Sul serio, come se dall’altra parte ci fosse un operatore addetto. Sì, ma… questo poveraccio immaginario, da dove le tira fuori queste informazioni, secondo loro? Da un database? Da un altro motore di ricerca? E allora che senso ha l’intermediario?

    Ecco, non volevo andare off-topic ma sottolineare quanto non pensino a quello che fanno, oltre a quello che guardano. Sì, perché queste sono le stesse persone incapaci di comprendere una trama appena più complicata di una vignetta della Pimpa. Quelli che appena tornano a casa son già lì a scrivere alla Signorina Google per sapere cosa hanno visto, cosa significava e se gli è piaciuto oppure no. Questo è l’altro dramma dei mentecatti di cui sopra, non pensando con le loro teste ma cercano opinioni da spacciare per proprie. Umanamente avvilente. Tristezza a pacchi.

    1. Ma perché usano la roba a sproposito. Secondo me pensano che dall’altra parte dello schermo ci sia una signorina discinta che risponde a tutte le loro domande.
      Solo così mi spiego certe chiavi di ricerca che mi lasciano basita.

  13. Se ti può essere di consolazione, io una volta mi sono trovato un bel “Marziane Tettone” tra le chiavi di ricerca. 😦
    E devo ancora capirne il senso…:P

    1. Marziane tettone è epico.
      Una volta ho trovato: zombie femmine nude. :O

  14. Giuseppe · · Rispondi

    Domanda ingenua, sicuramente è un limite mio ma…ecco, per caso, esiste ancora qualcuno che entri in un blog di cinema SOLO perchè era esattamente un blog di cinema che stava cercando, senza essere ricorso a chiavi di ricerca sì mirabilmente variegate nella loro stronzaggine (o peggio)? 😦 😦

    1. Purtroppo a volte aprire un blog ti mette di fronte alla miseria dell’animo umano in maniere variegate e fantasiose…
      Ma non importa, andiamo avanti

  15. Kamerà, negli anni d’oro del mio blog (e google non c’era e poi c’era da poco), la gente arrivava sul mio blog con parole chiave veramente imbarazzanti…alcune che veramente non riuscivo a concepire. Sta gente va lasciata dove sta, ignora e va avanti. Piuttosto mi fanno ridere quelli che stanno cercando proprio TE “ilgiornodeglizombi wordpress+ doomsday” mancava solo l’aggiunta “Rhona Mitra” e poi compariva la foto con il tuo bel visino 😀

    Ad ogni modo questa top 5 è fichissima!

    1. Sì, quelli mi riempiono di stupore, ma anche di un certo orgoglio. Se non altro cercano i fottuti film che recensisco e non roba di tette e culi.
      Comunque lo so che è così per tutti, kamerà. Il mondo è pieno di gente che stanno male 😀

      1. la gente sono strani 😛 😀

  16. Ciao Lucia
    Probabilmente questa è la classifica a più alto tasso horrorifico che tu abbia mai postato.,a volte c’è da rabbrividire veramente.Continua comunque sulla tua strada dato che il tuo blog è a mio avviso uno dei più competenti e sentiti sul cinema horror e non solo.Se poi c’è gente che legge con frivolezza i tuoi post tra un rutto e cani arrapati fregatane,per chi ama veramente il cinema ilgiornodeglizombie è uno spazio di tutto rispetto.

    Ps grazie per avermi fatto conoscere Ti West ,anche se non ho ben capito il finale di The House of the Devil me lo spieghi?

    1. Grazie del complimenti, davvero 🙂
      Sono fortunata perché ho lettori competenti in materia che se vengono da queste parti è perché si interessano di cinema e altre cosette.

  17. Le chiavi di ricerca (mie e altrui) ogni volta mi sconcertano. Ma non poco, eh?
    Secondo me nemmeno le scimmie urlatrici possono giustificare certi picchi di delirio.
    Secondo me arrivano da un universo parallelo. Dimmi che ho ragione.

    1. O magari è tutto un sogno o uno scherzo di google 😀

  18. LordDunsany · · Rispondi

    Molto bello questo post! 😀 Ovviamente io non ho bisogno di cercarti, sei l’unico blog che seguo e sei nei Preferiti (con la P maiuscola). Vedi Lucia, è il motivo per cui rimango su Forum e non apro un blog (e nel forum evito di scrivere qualsiasi tipo di parolaccia o immagine con donnine discinte), voglio evitare i “masturbini”! 😀
    Per quanto riguarda il parlare male: per me fai un errore, non devi lasciarti condizionare. Le tue recensioni negative sono molto belle, divertenti e sempre ben argomentate! 😉 Sai, sono capaci tutti a parlare bene di un buon/bel film, molto più difficle criticarlo e a te, seconde me, viene proprio bene.
    Finali: io invece non la trovo una cosa disdicevole, anzi, nel mio forum ho creato una rubrica apposita che ti dice come finiscono i libri!! C’è sempre qualche curioso cui interessa.. Meglio mi cerchi il finale di Amabili resti che il finale del film della Tommasi (drogata e accontentata da 2 tipi) 😀
    Per lo spiegone c’è poco da fare! Ma vedila così: meglio che glielo spieghi tu piuttosto che qualcuno che non ne capisce, no? 😉
    Vedo che picchi moltissimo sul tasto del “si vedono i finali dei film, così possono dire d’averli visti” oppure “leggo da X e scopiazzo”, che te ne frega in fondo? Se uno è contento a dire d’aver visto il film X solo avendo letto come finisce, non dev’esser un interlocutore interessante, no? Meglio perderlo che trovarlo..
    Nel forum dove stavo anni fa una volta ho letto uno che aveva gugolato la seguente frase: “scimmia p.. enorme sc.. donna pelo rossiccio” 🙂 Come dimenticarlo? 😛 😛 Mittico!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: