Top 5: Storia di un grande amore

 

Dite la verità, vi mancavano le mie allegre Top 5 del sabato. No, lo so che non vi mancavano neanche per sbaglio e che ne facevate volentieri a meno, ma sto tentando di restituire a questo blog, per quanto mi è possibile, il suo abituale palinsesto. Sarà un processo lungo e travagliato, perché ancora mi trovo ad affondare nella melma (anche un po’di merda, sì), ma almeno faccio il tentativo. Ci metto la buona volontà che è già tanto se mi reggo in piedi, in questi giorni.

Avete mai pensato, voi che siete amanti sfegatati della poetica a base di spruzzi di sangue e interiora esposte, cosa vi ha formato come appassionati dell’horror? Quando è scattato in voi quel meccanismo che vi ha fatto dire: ok, voglio sprecare in questo modo la mia vita? A me è capitato con cinque film. Eccoveli, in ordine rigorosamente cronologico. 

5. La Cosa (John Carpenter – 1982)

La Cosa è uscito al cinema nel lontano 1982. All’epoca ci voleva un po’perché i film arrivassero in VHS e, nei primissimi anni ’80, il videoregistratore non era una cosa a disposizione di tutti. Mio padre ne comprò uno e lo collaudò proprio con il capolavoro di Carpenter. Ne deduco che doveva essere intorno al 1984 o ’85. Avevo quindi sei anni, al massimo sette. Ovviamente, papà mi disse: “tu questo film non lo puoi vedere”. Col cazzo. Andò a finire che mi misi dietro lo stipite della porta a spiare e guardai tutto La Cosa attraverso una fessura. Mi spaventai a morte, con lacrime di terrore e urla disperate a chiamare la mia mamma. Non sono stata in grado di sedermi tranquilla a rivedere questo film per non so quanto tempo. Ma ormai c’era poco da fare. Ero innamorata, anche se ancora non lo sapevo.

4. Il Giorno degli Zombi (George A. Romero – 1986)

La videoteca sotto casa mia aveva una sezione horror sterminata. Passavo i pomeriggi interi a guardare le copertine di quei nastri. Erano piene di sangue, mostri, facce brutte, mi spaventavano perché poi la notte mi venivano gli incubi, ma erano anche una calamita che esercitava su di me un’attrazione irresistibile. I proprietari della videoteca si erano abituati a veder gironzolare per il negozio questa bambina un po’stramba, che  se ne stava le ore in piedi davanti a una parete traboccante film dell’orrore e poi se ne tornava a casa con un cartone animato, in preda allo sconforto. Una volta presi coraggio e noleggiai Il Giorno degli Zombi. Non so perché i miei non fossero a casa, ma quando mio padre tornò, mi vide davanti allo schermo, verde in faccia, tremante e, come sempre, in lacrime (ero una frignona di proporzioni epiche, sono diventata malvagia solo in tarda età), intenta a osservare Pilato che veniva fatto a pezzi.

“Io e te dobbiamo parlare” fu il suo commento.

3. Creepshow II (Michael Gornik – 1987)

Fottuta zattera di merda. Questa volta la colpa è stata della tv. Sì, perché quando ero piccina io, certe cose le passavano con estrema scioltezza in prima serata. E io ci cascavo tutte le volte. Mi accomodavo sul divano e venivo risucchiata dallo schermo. Mi mettevo le mani davanti agli occhi, ma lasciavo sempre uno spazio minuscolo tra le dita, così mi sentivo protetta, ma potevo comunque guardare ogni cosa. Creepshow 2 non è questo gran film, visto oggi, con la consapevolezza un po’distaccata di una signora bisbetica di 34 anni. Ma a 10 fa tutto un altro effetto. E l’episodio della zattera, con la sua crudeltà così grossolana ma efficace, il classico raccontino kinghiano scritto apposta per colpirti con la delicatezza di una betoniera senza freni, mi fece passare una serie di notti insonni. Vedevo la macchia nera dappertutto, mi sentivo risucchiare e spolpare viva. Cazzo, era una figata.

2. Cimitero Vivente (Mary Lambert – 1989)

Qui ero già grandicella. Avevo anche letto il romanzo. Ormai ero una specie di serial killer in erba, vivevo tra gli zombi, sguazzavo nel sangue, mio padre aveva la necessità sempre più impellente di “parlarmi”, o di mandarmi in cura da uno bravo. Ma Pet Sematary fu un vero incubo. La morte di Gage, Church, Pascow e Zelda. Mio dio, Zelda. Solo a ripensarci, solo a ricordarla, mi vengono i brividi lungo la spina dorsale. Di Pet Sematary ne ho ampiamente parlato, cercando di analizzare libro e film.  Ma a descrivere l’impatto emotivo che questa storia ha avuto su di me, ancora non ci riesco. Credo non ne sarò mai capace. Posso solo dire che, per quanto mi riguarda, Pet Sematary è la storia dell’orrore perfetta. Perché non gli è sufficiente farti paura. Deve anche farti male. Deve farti soffrire. Deve straziarti le viscere e farti sanguinare. E non lo so, sarà per il mio innato autolesionismo, ma quando mi racconti una storia così, io divento tua per sempre.

1. Nightmare 6 – La Fine (Rachel Talalay – 1991)

Prima che qualcuno mi sommerga di pernacchioni, fatemi spiegare. Non sempre siamo noi a scegliere quale film  ha il gravoso compito di iniziarci al piacere infinito di godersi un horror in sala. C’era Freddy Krueger, c’era l’ultimo capitolo di una saga di cui avevo visto già quasi tutto in videocassetta e c’erano gli occhialini 3d. Non quelli di oggi, quelli colorati. Ed era la prima volta che andavo al cinema a vedere un film de paura. Saltellavo piena di gioia, ero emozionata neanche mi avessero promesso che lo avrei incontrato di persona, il buon Krueger. Poi sì, certo, il film è lammerda, ma a me brillavano gli occhi lo stesso. Cavolo, avevo 13 anni. Cosa me ne poteva fregare della qualità di un film in quanto oggetto estetico? Io volevo vedere Freddy che sbudellava. E ottenni quello che volevo. E da quel giorno, non ho più smesso. E ogni volta che in sala si spengono le luci e comincia un nuovo horror, continuano a brillarmi gli occhi e mi viene la tachicardia e mi metto le mani davanti alla faccia.

Ma sempre lasciando una piccola apertura tra le dita, ché voglio vedere tutto.

16 commenti

  1. A parte Romero li ho visti tutti!
    Nightmare 6,poi è l’unico della serie che abbia mai visto, al cinema con gli occhialini blu e rossi.Non quelli da professore sfigato di oggi eh.
    Mi hai rammentato quella fottuta macchia,ma a essere sinceri il racconto mi aveva devastato alla grande,più del film.Godibile però

    Il primo horror è stato a 8 anni mi pare,ma fai anche dieci.Su italia 1 trasmettevano alle 20,30 Zombi..Mi piacque moltissimo.
    Poi è arrivato Jasone mio,anzi no..

    zombi
    halloween
    venerdi 13 -la fottuta maratona
    profondo rosso
    l’esorcista

    ma non so se son in questo ordine

    Il film però che mi terrorizzò più di tutti fu State buoni se potete di Comencini. Montagnani diavolo e Dorelli che gli butta l’acqua santa addosso,maddo…maddo….E poi Branduardi,io da bimbo avevo paura della voce di Branduardi
    e poi GRAN BOLLITO di Bolognini,l’hai mai visto?La storia della saponificatrice.Mi aveva tratto in inganno la presenza di Pozzetto,mortacci sua!

    1. Perdonami ma “State buoni se potete non è di Comencini ma di Luigi Magni”

      1. ah,si?Mi son rincoglionito..e lo sono da anni,per forza che non lo trovo sul Mulo
        Magni!Mi piace molto anche lui,nell’anno del signore è bellissimo
        Grazie e chiedo venia per il grossolano errore.Che peraltro porto avanti da 36 anni

  2. Ma guarda anche tu sbirciavi dalla porta ? Se la memoria non mi inganna io mi sono formata con i seguenti film:
    _L’armata del tenebre : visto in tenera età il trailer in tv ,ne rimasi terrorizzato. Ma ciò non mi impedì di recuperarlo al primo passaggio televisivo. Facendomela ancora sotto ! (Pure io ero frignone)
    -L’ultimo squalo : Spielberg ti chiedo perdono. Per anni ti ho incolpato della mia fobia per i pescecani. Invece fu questo film il responsabile! E l’immagine del tizio appeso ad un elicottero con le gambe mozzicate col cazzo che la dimentico!
    -Predator : registrato in tv da papà e visto in un piovoso pomeriggio assieme a lui e mio fratello. Così oltre che al cinema horror mi appassionai pure a quello d’azione.
    -Alien 3: sempre grazie a papà (quanti film mi ha fatto scoprire quest’uomo !)
    -Scuola di mostri : per anni la monster squad del titolo erano stati gli ideali amici che avrei voluto…

  3. Ciao Lucia,
    ti ho scoperta da poco ma sono già dipendente dai tuoi post.
    Dunque, la top 5 che mi ha formato:

    Halloween
    Venerdì 13
    Hellraiser
    Zombie
    La Cosa

    E poi c’è la mia maledizione: sono gli anni ’70, sto cenando in soggiorno con i miei genitori, nel piatto un risotto giallo e in TV un oscurissimo film che mi ha terrorizzato a morte ma del quale non ho mai scoperto il titolo…. ho vaghissimi ricordi di gente che scappava in boschi autunnali e delle creature che sembravano delle tartarughe ma con il collo lungo e sottile; cercare di ricordare mi mette ancora oggi un ansia allucinante.

  4. …ma poi da “quello bravo” non ci sei più andata e infatti sei completamente fuori di testa. Ma anche se ci fossi andata non sarebbe servito a molto: ti avrebbe detto che la colpa è del papà, è sempre così. Grande film “La cosa”. Credo però che anche se l’ho visto svariate volte, qualche pezzo mi manchi ancora. Come te metto la mano sul viso ma non riesco ad aprire le dita, irrigidite dalla paura. Ma come sarà stato che avevo quella cassetta? Me la deve aver data qualcuno perchè io non vedevo e non vedo film horror, non perchè non mi piacciano ma perchè son certo che mi prenderebbe un infarto dalla paura. Però la cosa e Christine non si battono. Eh si, colpa mia se sei fuori di testa, avrei dovuto preoccuparmi di più all’epoca, quando ti vedevo verde in faccia mentre guardavi quei film. Il mio spirito libertario ci ha fregati. Però sei adorabile quando scrivi e qualche altra rara volta. Ed eri adorabile da piccola, cucciola spaventata ma coraggiosa. Ma dimmi:dopo che te lo dicevo che dovevamo parlare, parlavamo?
    Io ricordo che stavamo molto insieme e che parlavamo. Ma di cosa? Tu te lo ricordi? Eh! è passato troppo tempo. E il tempo è il più feroce e famelico dei mostri, il peggiore serial killer che nessuno potrà mai imprigionare o uccidere perchè è lui che istante dopo istante divora le nostre vite. Pensa se si facesse un film in cui il mostro si mangia tutti gli uomini, dal primo apparso sulla faccia della terra.. Spietato li tortura a lungo facendoli invecchiare. E quando sei vecchio vivi nel terrore perchè sai che da un momento all’altro ti apparirà davanti e mangerà.il tuo corpo sfinito. Non serve urlare o chiedere pietà perchè lui non conosce la pietà. Lui ha solo e sempre fame. E anche dopo aver ucciso, continuerà a smembrare la carne umana sino a che dentro la bara, sottoterra, non resteranno che poche ossa grigie. Ti ho messo un po’ di paura? Ah ah ah! .

  5. Bel post, condivido i gusti (salvo Nightmare ma sei giustificata), mi ha fatto pensare a quale sia stato il mio primo horror, ed è stato difficile dirlo perché sono cresciuto con la fantascienza (il primo film è stato Star Trek 2) , nel settore horror ho ricordi confusi, credo che il primo riguardi un computer che prendeva possesso di una casa e della sua padrona (poi i simpson ne fecero una parodia), film degli anni 70 di cui non ricordo il titolo e forse prima di questo ci sarebbe un ibrido , ovvero l’esperimento del dr. K, ecco quasi sicuramente qualche film con Vincent Price è stato proprio il battesimo vero e proprio al genere. Mentre l’horror che mi ha “traumatizzato” per le scene eccessive è stato la Casa, che sono riuscito a rivedere mooooolti anni dopo apprezzandone il grottesco e ovviamente ho una fottuta paura degli zombie 😉

  6. SI’, mi mancavano le tue allegre top 5 del sabato e NO, lo sai bene che NON ne facevo volentieri a meno 😀
    La mia decrepitezza – le prime “chicche” con Karloff, Lorre, Price, Cushing, Lee e compagnia le vidi addirittura sulle tv private dei primordi- non mi fa più ricordare con precisione il momento in cui è scattato quel momento magico che ci accomuna 😉 ma la tua cinquina è ben rappresentativa di cosa può portare un potenziale appassionato sulla retta via (e sì, ci sta bene anche quel cartoonFreddy dell’ultimo capitolo…ho pure conservato gli occhialini dal ’91, tanto per dire).
    La prima volta che riuscii a vedere la Cosa -doveva essere l’86, credo- di horror (e sci-fi) avevo già un discreto bagaglio alle mie giovani spalle (Alien e primi due Zombi romeriani compresi), quindi arrivai QUASI fino alla fine senza coprirmi gli occhi…quello che mi fregò costringendomi a cedere, fosse pure per pochi istanti, e sbirciare da quella piccola apertura tra le dita fu l’imponenza e la ferocia della mutazione Blair, che su piccolo schermo mi dette l’impressione di poter saltar fuori da un momento all’altro per assimilare pure il sottoscritto. Da lì in poi la mia impressionabilità residua andò via via scemando (recuperai La Casa poco tempo dopo che ero già più rilassato 🙂 ) tanto che oggi sorrido a pensare a quella reazione…
    P.S. Ma poi, alla fine, che bisogno potevi mai avere di “uno bravo”? Visto che già in tenera età si capiva che quella veramente brava saresti diventata tu… 😉

    1. Non so come si mettano le faccine. Perciò immaginane una che ti sorrida e faccia segno OK!

      1. Ecco, penso che questa 🙂 o questa 😀 possano andar bene!

  7. A me mancavano le top 5 del sabato! 😀 È stato un piacere passare in rassegna i film che ti hanno instradata verso il genere horror!

    Ciao,
    Gianluca

  8. A proposito di classifiche.Ne ho fatta una dedicata al sottogenere dei film sugli animali assassini o eco-vengeance come si suol dire.Sarei lieto di sapere che vi siano altre persone che da ragazzini non si perdevano un appuntamento che fosse uno con il ciclo Animals,su Odeon tv
    Bè,ve la lascio qui

    http://lospettatoreindisciplinato.blogspot.it/2012/11/animalacci-tuaspeciale-migliori-film-su.html

    ciao!

  9. Oh si che mi mancavano le tue top 5, eccome!!!

    Adoro questo post, perchè di solito i sedicenti “esperti horror” che incontro parlano scafati di come loro non si spaventano e non si turbano di fronte nessuna mozzatura, zombie o schizzo di sangue.
    Ma tu centri il punto alla perfezione ed è la risposta alla stipida domanda “ma perchè guardi i film horror?” che mi sento ripetere alla nausea. PERCHE’ MI FANNO PAURA. Semplice. Perchè anche io ancora oggi guardo dalle fessure delle dita nei momenti clou, perchè avere la tachicardia mi fa sentire viva, mi emoziona ed è sicuro, in quanto sono davanti ad un video e non in situazioni realmente pericolose.

    La mia top 5:

    1) NIGHTMARE 1
    2) PROFONDO ROSSO
    3) IL SIGNORE DEL MALE
    4) ZOMBI
    5) VENERDI’ 12

    ooooo e devo aggiungere FESTA DI COMPLEANNO, assolutamente!!!

  10. Helldorado · · Rispondi

    Io ero come te Lucy,impressionabile ma con la voglia di vedere orrori e provare paura senza davvero capire il perchè. Io però ho cominciato verso i dodici anni, quando presi coraggio per aprire un Dylan Dog che mi aveva comprato mio papà e leggerlo. E quanto mi cacavo sotto ogni volta…ma poi ho cominciato a leggerlo regolarmente, spaventandomi sempre meno anche perchè l’orrore nel fumetto si andava annacquando sempre di più.
    Poi pian piano sono arrivati i filmoni di Romero, forse il primo che mi ha dato l’iniziazione, ho recuperato gli horror di Carpenter (che per me fino a quel momento era stato solo quello di “Fuga da NY” e “Grosso Guaio…”), i primi capolavori di Argento e via così.
    Ancora oggi ho qualche difficoltà con i film di torture tipo “Saw” oppure “Hostel”, non reggo proprio, però sto recuperando titoli che mi ero perso negli anni 80 e 90, anche grazie ai tuoi articoli.
    E ti invidio il papà che ti legge il blog…non hai idea. 🙂

  11. Non spaventarsi quando si vede un film horror è come tener le mani al loro posto quando si guarda un porno…Impossibile

    Tratto Da Perle di Saggezza, Opere Scelte Compagno commissario D.V. Berjia

  12. Napoleone Wilson · · Rispondi

    La vhs da nolo, prima in Italia de “La Cosa”, venne pubblicata dalla CIC/Universal nel marzo del 1987.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: