Brian Tyler

Dopo la raffinatezza di Julyan e l’ estasi creativa di Gold, oggi ce ne andiamo in America a trovare un tipetto poco raccomandabile che risponde al nome di Brian Tyler. Non si può sempre parlare di atmosfere delicate e rarefatte e di composizioni eleganti. A volte (anzi, spesso) arriva il momento di menare. E per menare, Tyler è il numero uno. Cinematografaro di famiglia (il nonno Walter H. Tyler è premio oscar per le scenografie di Sansone e Dalila di De Mille), Tyler nasce nel 1972 e ha già all’ attivo 85 colonne sonore, tra film e serie televisive. Stronzo stakanovista. Il ragazzo suona la batteria, tra le altre cose, e quindi si conquista subito la mia totale e completa simpatia. Oltretutto è un coatto della Madonna e frequenta le stesse compagnie che frequenterei io.

Non so se rendo

Il suo primo lavoro di un certo rilievo è la soundtrack di Frailty, interessantissimo horror diretto nel 2011 da Bill Paxton.  Ascoltatevela!

Lavora con Coscarelli per Bubba Ho-tep, e per il suo attesissimo ritorno John Dies at the End, con William Friedkin per uno dei film più belli e meno conosciuti dello scorso decennio, Bug; non pago di ciò, mostra la sua anima cazzara quasi quanto la mia, componendo anche per videgiochi come Call of Duty e Need for Speed.

Ma i grossi calibri devono ancora arrivare. Fast and Furious 5, I Mercenari, Final Destination 5, la serie televisiva Hawaii Five – 0. Capite a che tipo di compositore mi riferisco? E dovete vederlo mentre dirige l’ orchestra e suona la batteria. Anzi, vedetelo.

O anche ascoltare il tema di The Expendables, che male non vi fa

Avete idea del tipino che vi sto facendo conoscere oggi? Non ve lo adottereste per tenervelo in casa? Io sì.

vabbè

E poi, John Rambo, signori, John Rambo

Anche con Paulino mio ha avuto a che fare, quel simpatico guascone.

E vi saluto col trailer di The Expendables 2 che è sempre una bella cosa per iniziare la giornata con la carica giusta. Le musiche sono ovviamente di Tyler e insomma, ecco…io ho una lacrimuccia lungo la guancia…

33 commenti

  1. maronna…si lo adotterei per civilizzarlo!Ovvove ovvove
    un benpensante borghese occhialuto

    ps.frailty e bubba sono bellissimi e anche le musiche

    1. è un figo della madonna! tiè! er mejo che c’è!

      1. Figo?Ah,l’ex gloria dell’inter!

        1. Pure interista sei…che disgrazia. Occhialuto e interista.
          Però ti voglio bene lo stesso, soprattutto dopo che vi abbiamo rifilato il pacco ranieri, ti voglio ancora più bene

          1. lassa perdè va!
            Gasparini,Ranieri,ma li mortacci loro!
            A essere sincero io ho grandissima simpatia per i lupacchiotti e la Magggica,nonostante mi dicano che siamo alleati con la Lazio.
            Poi anche perchè si vede che vi ispirate a Sordi o Verdone,perchè ci fate sempre ridere!^_^

  2. thriller87 · · Rispondi

    Ma allora Bug è piaciuto anche a qualcun’altro !

    1. io l’ho adorato!

  3. Preferisco le divine… 😉 Comunque sa fare il suo lavoro. Della serie “lei suona il piano e lui la… batteria” 😄

    Però che filmone mi hai tirato fuori… Frailty… sceneggiato da uno sconosciuto e diretto da un attore di sfiga-film-tv. Un tipico caso di capolavoro per sbaglio LOL

    1. ahahahh!
      lo so, però io sono fissata con le colonne sonore dei film e sono anche convinta un buon compositore faccia la differenza, sempre.
      Bè, dai Paxton non è proprio sfigato, ha recitato in parecchi filmoni giganteschi!

      1. Paxton tutto è fuorchè quel tipo di sfigato direi, dovunque abbiano ingaggiato Hudson lui ha dimostrato di avere nervi saldi 😉 oltre a una grande prova di regia con Frailty (e in aggiunta ai vari Terminator, Aliens, Near Dark, True Lies, Apollo 13 ecc. ha lasciato la sua impronta anche in remake non proprio memorabili come Thunderbirds dove il suo Jeff Tracy ci stava a pennello)…quanto a Tyler li conosco quasi tutti i film con le sue colonne sonore (Bug e Fast and Furious 5 mancano sicuramente all’appello) e mi sembra che se la cavi bene il nostro coatto della Madonna 😉 , sa menare con la musica (penso solo all’epico accompagnamento dei confronti a muso durissimo tra Predator e Predalien nel sottovalutato AVP – Requiem)…non so perchè ma vi vedrei bene insieme come compositori (suggerisco qualche futuro titolo…Predator: Fast and Furious o Aliens vs The Expendables, scritti, diretti e magari anche prodotti da Paulino W) 😀

        1. Miiiiiiiiiiiiiiiiiiinchia!!!!! Ci casco sempre!! E’ una BATTUTA, cacchio, una BATTUTA!
          Paxton è il mio attore preferito, ok? sgrunt… X(

          1. Oh merda, scusa Eddy, sono in fase di rimbecillimento estremo e non l’ avevo capito neanche io…sciocca stupida che non sono altro 😀
            perdonooooo!!!!

          2. Giuseppe · ·

            Beh, sai mai che a qualcuno non piaccia davvero Paxton…però no, in quel caso non penso che uscirebbe vivo da qui 🙂

        2. Paulino W. deve produrre, è una conditio sine qua non!!!

          1. Ma di che ti scusi! Ci mancherebbe, mi scuso io ma a volte sono davvero uno zuccone! Paxton è davvero forte. Volevo dire che Frailty nasce sicuramente da esperienza zero sia in regia che in sceneggiatura e che “pare strano” che ne potesse uscire un gioiellino di tal fattezze. E speriamo che ci riprovino se gli va così bene!

          2. Sì, FRailty è un piccolo miracolo. Uscito poi in un periodo brutto brutto per l’ horror.
            Io mi scuso sempre quando fraintendo gli altri 😀 Non sei tu uno zuccone, sono io che ho capito!

  4. Napoleone Wilson · · Rispondi

    C’è qualcuno?

    1. poi quando la fai finita con questo giochino siamo tutti più contenti

  5. Napoleone Wilson · · Rispondi

    Sì è bravo, e poi per uno stalloniano come il sottoscritto. Ma anche marxista però, e uno che si fa fotografare in posa di “proprietà” con la sua Ferrari, per dirla con l’ascetico Yoda, “ben poco simpatico mi sta”. poi certo, bisogna vedere quanto ognuno di voi di voi/noi di là, senta sulle proprie carni la tragedia massacrante di questa “crisi”, per maturare più o meno simili sensibilità.

  6. Dico solo una cosa: Expendables 2.
    Conto i secondi.

    1. io anche i nanosecondi 😀

  7. Ha l’aria di uno che si diverte parecchio

    1. che bello però poter creare musica su questo tipo di film

      1. Deve essere una goduria infinita. Ma proprio lavorarci, in qualsiasi settore…
        io sono verde d’ invidia…

        1. tu giustamente dici che bello lavorare , ed è vero pure questo

          1. Enrico Bulleri · ·

            Ma non era un giochino era solo per capire la sgradevole sensazione di invisibilita’, a volte. Comunque vabbe’ non si cosa abbia mai detto di male o da prendere in sufficienza, nei precedenti commenti, ma bastava dirlo, di rimanere in questo caso nei propri “recinti”. O.k., ricevuto.

          2. Ma scusa, Napoleone, quale invisibilità?
            Io rispondo sempre, a tutti quanti, qui nessuno è invisibile.
            Solo che quel continuo ci se sembrava una presa per il culo.
            Nessuno deve restare nel proprio recinto, ci mancherebbe, altrimenti ci parleremmo addosso.
            ma già ieri, quando hai commentato un post dicendo che non ti avrei risposto, ti ho invece risposto subito, perché io, lo ripeto, rispondo sempre, a tutti quanti.
            Se mi dovesse essere sfuggito qualche tuo commento, non era mia intenzione-.

          3. Ehhh…anche se fai massacri di dodici ore al giorno, secondo me alla fine sei felice come una pasqua e ti vai pure a ubriacare

  8. Luciaaaaaaaa
    Ti sei dimenticata di quel gioiellino (di film oltre che di OST) di Battle L.A. World Invasion!!!!!!
    😉

    1. siiii!!! mi sono dimenticata del temaaaaa che è una figata! maledetta distrazione! 😀

  9. Napoleone Wilson · · Rispondi

    Màh, se è come dici sarebbe meglio, mi fossi sbagliato intendo. Mi piace questo blog, sennò, fra mille di duemila, non avrei iniziato a “parteciparvi”.

    1. Davvero, ti sei sbagliato. Su questo blog tutti sono benvenuti.
      Se ci sono cose che mi danno fastidio, nei commenti, le faccio notare, perché mi piace essere sempre chiara, con tutti.

  10. Napoleone Wilson · · Rispondi

    E comunque il mio “non mi risponderai” era scherzoso, mi pareva inteso. Lo sapevo che m’avresti risposto. C’era un minimo di argomentazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: