Le Divine: Jennifer Connelly

tumblr_mmcyhtFpxG1s852lfo8_500

Era da un pochino che non aggiornavo la mia galleria di attrici che hanno contribuito a rendere grande il cinema di genere (e non). E mi sono accorta che mancava Jennifer. Mancanza imperdonabile, perché se esiste una creatura a cui l’appellativo di divina calza alla perfezione, è proprio lei.

Jennifer Connelly nasce a New York il 12 dicembre del 1970. Inizia da bambina ad apparire in spot televisivi e riviste. A 14 anni fa il provino per C’era una volta in America e viene scelta per il ruolo di Deborah da giovane. Inizia così una carriera che le avrebbe fatto attraversare tutti i generi possibili, con un occhio di riguardo nei confronti di horror e fantasy.
All’epopea di Leone, seguono infatti Phenomena (1985) e Labyrinth. Tre filmetti così uno dietro l’altro, tanto per non farsi mancare niente. Continua a leggere

Le Divine: Mary Elizabeth Winstead

marygif

Oggi ci occupiamo di una fanciulla che pare aver mollato (momentaneamente) la strada dell’horror per indirizzarsi verso i territori più “rispettabili” delle commedie indipendenti. Insomma, se ne è andata in zona Sundance. E io la capisco pure, dopo che le hanno affibbiato per secoli ruoli allucinanti, non ultimo quello del prequel de La Cosa.
Insomma, Mary Elizabeth è il classico caso di istituto di recupero per Scream Queen disadattate, un’iniziativa che porterebbe a prelevare dai set tutte queste simpatiche signorine che recitano (bene) in pessimi film dell’orrore, disintossicarle e reinserirle in società, magari affidandole alle cure di Ti West.  Continua a leggere

Le Divine: Radha Mitchell

tumblr_mg466sDeXS1r548eco1_500

Oggi ospitiamo su questo blog una vera Signora con la esse maiuscola, capace di passare con tutta tranquillità da Woody Allen ai film coi coccodrilli giganti, mantenendo sempre una classe invidiabile.
Radha Mitchell nasce a Melbourne, in Australia, il 12 novembre del 1973. La sua carriera di attrice inizia nel 1988, con la serie televisiva della ABC Sugar and Spice ed esordisce su grande schermo in Amore e Altre Catastrofi del 1996. Continua a leggere

Le Divine: Lily Rabe

tumblr_mgpml0MRKc1s2f77zo1_500

Ripristiniamo il palinsesto di questo blog che sto faticosamente rimettendo in carreggiata, con il ritorno delle nostre gallerie settimanali dedicate ad attrici che, in un modo o nell’altro, stanno contribuendo a dare volto e corpo ai personaggi femminili del genere di cui si parla (sempre meno) qui dentro.
Oggi è la volta di Lily Rabe, nata nel 1982 e figlia dell’attrice Jill Calyburgh e del commediografo e sceneggiatore David Rabe. Lily comincia a calcare i palcoscenici di Broadway nel 2005, col ruolo di Annelle in Fiori d’Acciaio, che le procura subito una nomination al Drama Desk Award. Nel 2010, sempre a teatro, recita a fianco di Al Pacino ne Il Mercante di Venezia, interpretando Portia e sfiorando il Tony Award. Continua a leggere

Le Divine: Sara Paxton

Se è vero che il mio cuore appartiene solo a Lei, non è comunque una ragion sufficiente per evitare di inserire nel blog altre gallerie Divine settimanali, anche per il gusto di scoprire giovani e bravissime attrici apparse in vari film di genere. Alcune sono già all’apice della carriera, altre stanno emergendo adesso. La speranza è di trovare, fra loro, la Scream Queen del futuro. Se avessi un euro (ma manco quello mi è rimasto), lo punterei su Sara Paxton, sempre che non faccia come tante sue promettenti colleghe e abbandoni l’horror per dedicarsi alle commediole che van per la maggiore. Continua a leggere

Le Divine: Rhona Mitra

Anticipiamo di due giorni la Divina della settimana, per fare spazio a una sorpresina che ho in serbo per voi giovedì. Eravamo rimasti agli header creati da Max (a cui si è aggiunto anche quello Hell, dedicato proprio a Rhona) e di tutte le fanciulle ivi ritratte, Rhona è Lei, con la elle maiuscola e gli occhi a cuore. Perché, è vero, ho il culto della bellezza femminile e ci sono una miriade di attrici che mi piacciono. Ma Rhona è diversa. Rhona la amo.

“If I hadn’t got into trouble in some way (as a teen) I’d probably have four babies and would be living in the countryside in England complaining that my husband was working too many hours in the city. Instead, I’ve been riding around on horses in New Zealand for ‘Underworld’ pretending I’m slaying wolves. I think I made the right choice.” Continua a leggere

Le Divine: Billie Piper

Per chi dovesse avere la memoria corta come la mia, che a stento mi ricordo quello che ho mangiato a colazione, per qualche settimana, i post dedicati alle splendide (e marginali) attrici di genere, si concentreranno su quelle presenti nei multiheader ideati da Max. La fanciulla di cui vi parlo oggi è una mia ossessione relativamente recente. Ma non appena l’ho vista apparire nel primo episodio del Doctor Who, il mio cuore ha smesso di battere per qualche istante.

Continua a leggere

Le Divine: Grace Park

Whatever you want to see or whatever you’re struggling with in life, you can see there, whether it be politics or terrorism or war, hope, faith, struggle, love. It’s all in there. Or if you just want plain action and neck-snapping plot twists, you’ve got that, too” Grace Park, su Battlestar Galactica.

Ormai queste gallerie settimanali stanno diventando sempre più un inno alla Bellezza. E se io penso al concetto di Bellezza, mi vengono in mente quattro creature angeliche la cui visione mi provoca immediati scompensi cardiaci. Le potete vedere tutte nei multiheader che scorrono in testa al blog. Per una strana combinazione, tutte e quattro sono attrici, e tutte e quattro hanno qualcosa a che vedere con la materia di cui trattiamo qui. Solo una di loro può essere definita una Scream Queen e ne ho già parlato, qualche mese fa . A partire da oggi, e per le prossime settimane, conosceremo le altre.  Sì, lo so, il progetto Divine era partito come un omaggio alle attrici che hanno contribuito al cinema dell’ orrore. Ma alla fine, come sempre, il blog è mio e faccio quello che mi pare. Si cambia, che è meglio. Per l’ occasione, voglio anche copiare da Hell l’ idea di accompagnare le foto a un sottofondo musicale. Continua a leggere